Pagina (116/355)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      In questi giorni si commemorano i martiri della libertÓ, ed io mi sento ancora tanto piccino e poltrone! Era la mia un'anima repubblicana?
     
      11 novembre. - Oggi parto. La natura Ŕ mestissima, ed io vado incontro alla noia ed allo scoraggiamento.... Non amo pi¨ i poveri: sono indifferente agli studii. Sento giÓ vergogna delle persone con cui dovr˛ parlare per il lavoro sui Musei privati di Milano pel Vallardi.
     
      12 novembre. - Sono nel mio studiolo di Milano. Mi sento scoraggiatissimo. Voglio mettere un po' d'ordine nelle mie carte: trovo grammatiche greche, esercizi latini, tedeschi e inglesi, e abbozzi di drammi.
      Volevo, per far luogo, mettere queste cose in un fascio sulla libreria.... Le grammatiche portano le tue cifre, o Lidia, scritte da me quando volevo attingere un po' di coraggio: e i drammi cominciano col tuo ricordo T. c. q. f. e. s. c. A. t. Tout ce qui finit est si court. Allez toujours. Come mi faccio sempre melanconico! Volevo far posto pei nuovi scritti.... E che m'importa dell'arte, del nome, dell'antiquaria? M'importa nulla! Sento la mia giovinezza passata e le mie speranze cadute, e il mio cuore inaridito! Credimi, non so lavorare per amor proprio! Fra le mie carte trovo il libriccino dell'Aleardi e quello del Leopardi.
     
      23 novembre. - Ieri a sera, alla SocietÓ degli Artisti, ho assistito allo svestirsi della modella, una ragazza triviale e perduta. Come parlava brutalmente dell'amore!
      Sai, Lidia, Ŕ uno spavento per me l'udire l'immoralitÓ dalla bocca di una donna giovane.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Storia di un'anima
di Ambrogio Bazzero
Fratelli Treves Milano
1885 pagine 355

   





Musei Milano Vallardi Milano Lidia Aleardi Leopardi SocietÓ Artisti Lidia Tout Allez