Pagina (143/355)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      - vide me che ponevo il piede sul predellone di un omnibus rivale. Altro che Ballila che gioca il tiro al tedesco! E il camiciotto nemico peggio! Che furia! Io divenni quasi smorto, e quasi lasciai cadere parasole e sacca.
      - Pelandrun! galeotto! Ti me vgni a rob i posti? Se ti nu me-a paghi or diventa...!
      - Cse t'e che te paghe? T' i cavalli guersci e ranghi, l'omnibus co-e molle rutte, che da na parte u l'ha u xembo cumme t muggi, e t'e ancun che te a paghe?
      - Puscio che te vgne mille diai in corpo! T'e ancun avei raxun? U sci u l'a x con mi.
      - Se u l'a xa con ti n'ho piaxei: oa u l' con mi. L' a i bigetti che m dagga mente. A Sestri! a Sestri! Partimmo subito!
      - Pendin da furche!
      - Ti me caxi sotta grinte!
      - Ti me caxi sotta grinte, e se nu te rumpo quello brtto muro l, ci tsto me fassu appende!
      - A Sestri, a Sestri!
      - A Sestri!
      - Sci, sci munte con m!
      - Sci, sci munte con m!
      - Con m!
      - Con m!
      Questo quello che si pu scrivere. Le bestemmie genovesissime venivano gi come la tempesta maggenga nelle litanie dei santi: e i due furibondi si tenevano, come su un bastione, Balilla ritto sulla cassetta dell'omnibus, colla frusta alzata; l'altro con un piede sul predellino davanti e il sinistro sul mozzo della ruota pronto ad investire.
      Grida e bestemmia, bestemmia e raglia, arrivarono i rinforzi: vennero fuori cio dalle stalle e dalla barbiera tanti garzonacci membruti, che alle litane risposero l'ora oro nobis ma con che indulgenza!
      - Pelandrun! - Pelandrun!


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Storia di un'anima
di Ambrogio Bazzero
Fratelli Treves Milano
1885 pagine 355

   





Ballila Sestri Sestri Sestri Sestri Sestri Balilla