Pagina (162/355)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Ho dimenticato qualcosa pel mio professore dagli occhiali d'oro, che mi tiene la sua santa mano in capo?
      No: il latino c'Ŕ: Bruto che scrive a Cicerone, parlando dei Vada Sabatiorum: "Constitit nusquam prius quam ad Vada veniret, quem locum volo tibi esse notum. Iacet inter Apenninum et Alpes impeditissimus ad iter faciendum."
     
     
     *

      * *
     
      La costa di Vado mi appare arsiccia. Sotto quest'ora prossima al meriggio, tra i visacci bruni che popolano l'omnibus (tutti visacci!), sporgendo il capo da una finestretta, nel polverone, vedo qualche palma che si allunga e si strataglia sulle nubi focate, sorgendo tra mezzo a casette calcinate dal sole, e poi nelle lande ferrugigne qua e lÓ delle grandi fornaci che mi sembrano moschee, dadi stracotti col cupolone di creta. In fondo, alla spiaggia, i colori pi¨ caldi sono come ruvidamente tagliati fuori dal quadro da una spranga di turchino buio, azzuolo, pi¨ che azzuolo, dal mare che a st'ora addensa un colorone, quale non Ŕ su alcuna tavolozza.
      Davanti a questo spettacolo non c'Ŕ pace, non c'Ŕ ammirazione.
      No: l'anima mia s'ammala di desideri, e, ferventissima e impotentissima, ribolle e si spossa d'inutili sogni. O mare! o cielo! o sole! E voi, Aquiloni della Grecia, Mar˘ut dell'India, Keroubim della Giudea! O vento del Gulf Stream, vento elettrico del Giappone, vento dell'equatore, pampero del Chilý, harmattan dei Cafri! Mare, dove ti perdi? Tu, cielo, quanti dii alberghi, all'insegna del sole, delle stelle e della luna piena?


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Storia di un'anima
di Ambrogio Bazzero
Fratelli Treves Milano
1885 pagine 355

   





Bruto Cicerone Vada Sabatiorum Vada Apenninum Alpes Vado Aquiloni Grecia Mar˘ut India Keroubim Giudea Gulf Stream Giappone Chilý Cafri Mare