Pagina (164/355)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      ... Ti dir˛ che una fanciulla bionda, la mia fanciulla che mi cantava le poesie d'Iddio e dell'amore, m'ha fatto piangere, e m'ha ammalato a letto. Mi offriva vaniglie, viole del pensiero, versi francesi, e sorrisi da santa Cecilia l'organista.... O marinara brunotta, sai che ti guardo e ti guardo!... I miei colori sono sbiaditi per il tuo ritratto. Dammi i tuoi: il nero de' tuoi capegli, la bragia delle tue carni, il verde-abisso delle tue pupille... Tu vuoi scendere dall'omnibus? Vengo con te! Andiamo sotto una palma. ╚ troppo vicina a casa! Andiamo alla spiaggia. Insegna la strada a un povero forestiero. Andiamo alla spiaggia, o che ti strappo il guarnellino!
      Mi pare d'essere alla spiaggia... Sý o no?.... Il mare!... Venite, o poeti, giullari dell'ignoto: venite, o filosofi, perpetue gocce, che non cavant lapidem misterii: sibille, ossessi, dogmatici, pittori, idealisti, realisti, ed ubbriachi... No! nessuno di voi venga: di nessuno ho bisogno per abbuiarmi la mente: Ŕ giÓ tutta una cappa di caligine: le vostre lingue di fuoco, passandovi, v'hanno lasciato un negro bacio. Facciamo un fal˛ di tutte le bugýe delle scienze e dell'arti: sarÓ il faro a chi viaggia sull'immenso mare. Quanta vanitÓ!
      Il mare!... ╚ bello: ma a lui tendo le braccia invano. ╚ infinito: lÓ, lÓ, sempre lÓ, lÓ, non c'Ŕ l'amore, ma la schiuma e l'amarezza: in fondo? gi¨? Mostri, schifosi polipi, ossame e putridume... O marinara brunazza, lasciami gi¨ vedere la medaglietta che hai in seno. Ami tu le stelle?


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Storia di un'anima
di Ambrogio Bazzero
Fratelli Treves Milano
1885 pagine 355

   





Iddio Cecilia