Pagina (175/355)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      ... ma finire! O Natura, per carit, lasciami finire!
      Sull'acqua c' un frusco: se si spazzolasse un drappo serico di mille miglia ci sarebbe l'istesso effetto sulla ghiaia che sorbe l'onda. Il cielo si vela biancamente, e, checch ne dicano i signori professori, sembra, dove l'occhio nostro lo guarda, scavarsi in abissi profondi e vibrare con milioni d'atomi azzurri, di contorni indecisi, di ghirigori trasparenti. S'accende la luna: mezza luna, scema a destra, sbiadita, oleata.... Per compagna le pende vicino una stella, la punta di un dardo arroventato, che scocca raggi all'innanzi....
      Chi sono io?... Chi sono!... Tutto tace.... Il mare ha coscienza di questa sua poesia? e il cielo?...
      La massa salsa ed amara la stupida materia: non insulto la luna, le stelle e lo spazio inafferrabile dove neppure i palloni sanno approdare, ma.... Deserto il mare: deserto il cielo: deserta l'anima mia. Il navigante ha la sua mappa in quel deserto: l'astronomo la sua tavola nera: la donna nell'anima il suo prospetto della dote, controdote, posto in teatro, e paradiso.
      Deserto solo vi dove vi la noia della vita.
     
     
     
      LONTANO LONTANO.
     
      Pax.
     
      Vicino alla spiaggia c' il fondo basso, e l'acqua non ha colore: come una vernice che asseconda i guanciali grigi e translucidi di sabbiolina, qua e l segnati dallo strisciare di qualche guscio vivente, qua e l avvivati da qualche scheggia di corallo: nessun'alga. Le fanciulle lavano i ginocchi e le coscie, e ve ne sono di dodici, di quattordici, di diciott'anni.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Storia di un'anima
di Ambrogio Bazzero
Fratelli Treves Milano
1885 pagine 355

   





Natura