Pagina (178/355)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
     
     
     
      LA DONNA?
     
      Pegli. Htel Garcini.
     
      Che cosa la donna?... La donna ideale pel giovinetto un flacon d'odore: purissimo cristallo, essenza inebbriante. Chi lo guarda, lo porge in alto e lo adora sul fondo di cielo sereno. Contenuto e contenente riflettono l'azzurro immacolato. Il giovinetto la dice la donna-angelo, e fa delle poesie. La donna reale pel giovanotto, in societ, lo stesso flacon: parliamone bene. Ma il cristallo affaccettato a suo posto, non alto, non basso, su un vero tavolo da sala, fra una bomboniera, un viglietto di visita, un romanzo e due guanti di Svezia. Ogni faccetta ti riflette un migliaio di cose: civetteria, amicizia, amor proprio, sacrificio, pregiudizi, eleganti convenienze, dispetti, vendettucce... Il contenuto, sempre essenza inebbriante e limpidissima, non si mostra mai qual'. Il giovanotto la dice la donna-interessante, e fa delle pazze...
     
     
     
      I MORTI?
     
      Monti di Borzoli.
     
      E un d venni a te, cappelletta sulla montagna.
      Avevi la facciata al mare, la scabra facciata su cui il mattino dava rosari di perle colle gocce di rugiada tremolanti sui fili dei ragni; su cui la sera stendeva palii di luce freddissima coi raggi della luna. Io non so chi ti pregava, pallida Madonnina del cimitero; so che non vidi mai fiore, ne' lumicino, so che il marinaio t'ama, o Vergine, sulla prora del bastimento, sculta in legno e tutrice di viaggi lucrosi, so che ti baratterebbe con Venere lasciva se nei porti tu rechi cinque e quella sei!
      E venni a te, cappelletta sulla montagna.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Storia di un'anima
di Ambrogio Bazzero
Fratelli Treves Milano
1885 pagine 355

   





Garcini Svezia Borzoli Madonnina Vergine Venere