Pagina (227/355)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Eccoci alio stabilmento Mazzucchetti. ╚ una casa grande, bianca, con tante finestrine da collegio, un terrazzo, una scalea, i portichetti, un tutt'insieme che mi rammenta i muraglioni scabri della riviera genovese e le cellette di Monte San Bernardo. I lenzuoli tesi ad asciugare, l'aria frizzante, e qualche signora accoccolata su un panchetto collo scialle, fanno subito pensare, con un moto di pigrizia:- Io non sono ammalata! Dio sa che bagni freddi! - Poi ci consoliamo entrando e chiedendo dopo il viaggio il tranquillo lettuccio. Ancora ci stringiamo nelle spalle, passando per un corritojo appoggiato ad una roccia stillante e per gli altri ancora soprapposti, come nella costruzione dei conventi. ╚ inutile che io ti descriva la mia cameretta; quello che ti voglio dire Ŕ che la sento freschissima, e corro a spalancarne le finestre. Una guarda gi¨ verso Biella, ove digradano le montagne, e lÓ si stende un piano azzurro sterminato, una diffusione di vapori che solo ti rammenta il mare. E come lo rammentai! Pensai a Lucy che in questi giorni sarÓ a Pegli, candida nuotatrice delle ore cocenti, mesta, poeticissima indovina dei dolori altrui, quando la sera sederÓ alla spiaggia, interrogando il gran libro del cielo! L'altra mia finestra guarda su verso il Santuario le montagne paonazzicce e verdi, separate alle falde dalla striscia sassosa del torrente: vedo certe casette, che mi rammentano i miei giocattoli di un dý, le bell'ombre invitanti alla lettura, le bianche cappelle che segnano la via alla chiesa.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Storia di un'anima
di Ambrogio Bazzero
Fratelli Treves Milano
1885 pagine 355

   





Mazzucchetti Monte San Bernardo Biella Lucy Santuario Dio