Pagina (235/355)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Vedi: in quel semicerchio di monti, a sinistra, il paese d'Andorno, che spicca illuminato su una frana rossiccia, nel mezzo ecco certi dossi boscosi di un verde metallico, a sinistra i tetti del Favaro. Al di l, il piano si stende, con macchiette bianche, con lucidi serpeggiamenti, con ombre pavonazze di colline, poi si fonde tranquillamente in un tono azzurriccio, su cui a liste si vedono le ombre proiettate dalle nubi: il piano si perde, sfuma in un vapore. L'occhio dice - finisce: - ma il desiderio va oltre, si spande, e trova ancora i piani, i monti, il mare!
      Credi: queste vedute cos estese mi fanno meditare.... Che cosa il desiderio? Che cosa la vita? Sugli orizzonti del pensiero perch, come su questo, tramonta un altro sole, quello della speranza? - Non so rispondere io, non sai tu: risponde il canto di una fanciulla, Ella contenta, torna alla casetta sua, e della vita non conosce i misteri nella fortunata ignoranza.
     
     
     *

      * *
     
      La fanciulla una falciatrice di fieno. Vogliamo, o cara, copiarla sull'albo? Ella porta una gonna di cotone bleu, col busto compagno, colla camicia bianca stretta al collo con pieghe gelose: un fazzoletto rosso allacciato sul capo con una foggia bellissima, s da lasciare due lembi svolazzanti sulle orecchie. Non guardo punto a' suoi lineamenti: tutto nell'espressione, e questa dice: - Ho la contentezza del cuore. - E fa tanto piacere discorrere con essa! Perch la fanciulla non ritrosa, perch dice che ha tante mucche e tanto fieno falciato, e i fratelli e il babbo lavorano gi negli opifici del Biellese.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Storia di un'anima
di Ambrogio Bazzero
Fratelli Treves Milano
1885 pagine 355

   





Andorno Favaro Biellese