Pagina (236/355)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      La vita le va per benone, e lo sposo, grazie alla Madonna d'Oropa, sarÓ un garzonotto, bersagliere dell'Alpi.
     
     
     *

      * *
     
      Le casette che vedi sui monti sono le stalle per le mucche nella stagione dei pascoli: all'inverno i pastori scendono al piano, e le lasciano ai venti e alle nevi. Le sono casine murate a sassi irregolari, coi tetti di pietra lucente, col portichetto a pilastri azzurrigni, coll'orticello verdeggiante, cinto da un muricciolo di scheggioni ammucchiati: vicino c'Ŕ sempre uno zampillo, e lý distesi sul declivo i rotoli casalinghi di tela montanara, c'Ŕ un frascato che invita ai discorsi.... Oh che discorsi! Fra il ciondolare dei campanacci e il mugghiare delle vacche, non si sa che dire: - Vogliamo assaggiare una ciotola di latte? un po' di burro fresco?
      Detto, fatto: l'assicuro io, che ho visto personcine morbide, che non si sdraiano se non sul velluto, persone gravi che siedono su seggioloni d'autoritÓ, magari nel Parlamento e nel Senato, signore e signori su un pratello o su un panchino di legno s'assettano alla meglio, e, chiacchierando colla massaia che fila e coi bimbi venditori di mazzoni d'arnica, si sentono figli anch'essi d'Adamo, e costole di Adamo, il primo fannullone o il primo contemplatore della natura. Fra le ciarle si ascoltano i nomi del santuario di Graglia e di quello d'Oropa.
      Discorriamo d'Oropa.
     
     
     *

      * *
     
      O meglio ancora, avviamoci. ╚ una delle pi¨ belle passeggiate, per la strada pittoresca, e perchŔ la meta, celata nel seno del monte, invoglia a continuare sempre il cammino per iscoprirla.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Storia di un'anima
di Ambrogio Bazzero
Fratelli Treves Milano
1885 pagine 355

   





Madonna Oropa Alpi Parlamento Senato Adamo Adamo Graglia Oropa Oropa