Pagina (287/355)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Da Valdagno a Recoaro la strada si fa ripida, i monti giganteggiano, il verde intenso: tutta la valle si restringe.
      Recoaro (da Recubarium, luogo di riposo, o da Rex aquarum, re delle acque) fino agli ultimi anni del secolo XVII non era che un paesucolo composto di gruppi di casolari qua e l sulle pendici delle Alpi Retiche. Ora un paesotto; meglio un solo albergo, un solo caff, un solo stallo...
     
     
     *

      * *
     
      Chi sono e dove sono i Recoaresi? Tra questa folla in cento abiti, dalle foggie date dalla nostra Chaillon alle vestaccie affagottate delle alpigiane tirolesi, tra il sonare di otto o dieci lingue e la babele di cento dialetti, fra il va e vieni delle carrozze, il tempestare delle unghie degli asinelli, e gli inviti: paron! paron! paron! io non so dirvi chi sono e dove sono i Recoaresi. La scena pittoresca; il paese lungo, la via erta, le case affatto moderne e come quelle della riviera ligure, la chiesa piccina e tutta bianca, il campanile grosso, tozzotto, degno d'un proposto capo pieve, una casa col tetto a quattro pioventi, un po' acuminato, la gronda a volticciuole e l'aria di un torracchiotto; in fondo le allee che a zig-zag vanno alle fonti, il santuario di Santa Giuliana raccosciato come tra il verde; a sinistra, quasi sempre incoronata di nubi, la vetta dello Spitz, e gi l'Agno dalle acque saponacee e dal letto sassoso, e a chiudere la scena, aduste, violastre, cornute, le formidabili alpi tirolesi.
      Dello Stabilimento Giorgietti, del piazzale, dei divertimenti e delle cure vi parler un'altra volta.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Storia di un'anima
di Ambrogio Bazzero
Fratelli Treves Milano
1885 pagine 355

   





Valdagno Recoaro Recubarium Rex Alpi Retiche Recoaresi Chaillon Recoaresi Santa Giuliana Spitz Agno Stabilimento Giorgietti