Pagina (292/355)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      La folla si versa nel salone del Vicentino; l la tombola, i lancieri e le ciarle. E l'amico milanese, che non ha osato guardare le teste femminili, l le vedrebbe innondate di luci e di sorrisi, contornate da capelli biondi, neri e castagni, tante volte adorne nobilmente di mazzolini di edelweiss, di ciclami, di margherite, di grappolini di sorbo! E la cura? la cura felice, per cui s' mosso l'amico, affrontando sette ore di ferrovia, i pericoli di un tramway snodato come una biscia, le scosse di una vettura a capponaia? La cura non ha orario e non ha metodo e non ha noia. Bevete e bevete.
     
     
     *

      * *
     
      Uno sguardo all'elenco dei forastieri ed ho quasi finito. Abbiamo avuto qui tanto corone da far invidia al fondatore dell'archivio araldico del Vallardi: i nuovi venuti da Milano sono il marchese C., i conti T., la nobile B.; da Torino, la contessa B. di G. e il commendatore V.; da Bologna, la contessa A. Volete anche della politica alle acque? arrivato quel nostro insigne concittadino, che il senatore G., prefetto di Verona, l'onorevole O., l'onorevole R., e il nostro marchese V., se pure egli non desidera d'essere posto fra i filarmonici.
     
     
     *

      * *
     
      Proprio l'ultime righe e ho finito. A Vicenza ebbi il piacere di conoscere quel cesellatore famoso, queir ageminatore, quello sbalzatore, quell'incisore che il Coltellazzo. Come a lui, cos a voi non nascondo un mio schietto convincimento: il nostro Gaggino a Milano pi amoroso dell'antico, pi ingenuo, pi fino; ed oltre all'arte del fare, conosce gli accorgimenti sagacissimi dell'irrugginire e dello sdrucire.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Storia di un'anima
di Ambrogio Bazzero
Fratelli Treves Milano
1885 pagine 355

   





Vicentino Vallardi Milano Torino Bologna Volete Verona Vicenza Coltellazzo Gaggino Milano