Pagina (347/355)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Voi, nomi patriarcali delle tre stirpi di No(33), che rendeste a Dio i doni che Abramo diede ai figli di Keturah e che la regina Saba diede a Salomone(34) non vi fate superbi, udendo tronfiamente proclamare che alla santa Sofia dell'Islamita(35) rimane ancora il nome e la gloria della vostra Sapienza!
      Voi siete venuti per il nostro amore! Vi chiamano i bimbi, vi chiamano le mamme, vi chiamano i vecchi; e quei vagiti e quei sorrisi e quelle preghiere sono i nostri affetti. Chi nasce, chi confida, e chi vicino a morire!
      Betlemme ha irradiato il mondo!
      Oh venite! venite! venite anche da me!
      ..................
      Chi nasce! Sapete com' bello chi innocente? Chi ci pu far credere a Dio? Chi la religione purissima dell'anima nostra? Oh come chi nasce ha bisogno d'amore!
      Chi confida! Vedete come santa chi ha nel cuore l'amore! Come ci bacia per farci coraggio! Come sola ci ha data la pace! Oh quanto chi confida ha bisogno di speranza!
      Chi muore!... Ah sento d'aver avuto l'amore e la speranza!... Perch mi dolce l'ultima luce del crepuscolo?... Perch tanto soave l'addio di chi ci ha accompagnato fino ai primi tenebrori?... Come sei cara, tu! Tu, e tu, e tu, figlia, bambino, bambini! Come siete cari, voi che, insieme aggruppati al mio seggiolone, mi dite sorridendo: - Noi continueremo a vivere, ad amarci, e a ricordarti! - Oh quanto chi muore ha bisogno di fede!
      Svegliandomi di botto, ho trovato il Beda capitombolato a' miei piedi, e il fattore che ascendeva le scale, domandando:
      - Che c'?


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Storia di un'anima
di Ambrogio Bazzero
Fratelli Treves Milano
1885 pagine 355

   





Dio Abramo Keturah Saba Salomone Sofia Islamita Sapienza Dio Beda