Pagina (25/61)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Tutto vi si mescola e vi si confonde e vi ribolle. La memoria di un diritto vecchio, vecchio di secoli, mal conosciuto nei suoi particolari, e tanto pi˙ vivo, nella sua generositÓ, in un pertinace ricordo; l'incertezza del diritto pontificale nuovo, che, per reggersi e introdursi, lusinga ed Ŕ forzato a confermare il vecchio, pur di edificarvi il proprio sopra; la qualitÓ particolare del vescovo di Roma, che per ci˛ solo che estende il suo potere oltre i confini di quella e del suo distretto, mette a mano a mano la cittadinanza romana per rispetto all'elezione del suo capo spirituale in una condizione diversa da quella d'ogni altra cittadinanza di comune italiano o forestiero; l'influenza dello sviluppo di questo comune stesso nelle altre regioni d'Italia sul comune di Roma; i molto maggiori e pi˙ vari e pi˙ forti elementi che si combattevano in questo, e la difficoltÓ, quindi, molto pi˙ grande di fonderli e soggiogarli; le continue e sanguinose discordie che ne nascevano con pi˙ ostinazione che altrove, e la potenza sbrigliata delle famiglie pi˙ potenti che se ne pasceva; il Papa, un potere senza armi o che non ne usava senza discredito; l'imperatore, un potere lontano, incerto e contrastato, che Roma credeva avesse rispetto a sÚ una ragione diversa che rispetto a ogni altra cittÓ dell'impero; una plebe bisognosa e incapace di vivere se non a patto che la Corte del Papa vi risiedesse, del Papa ch'essa non voleva tollerare per padrone e adorava vicario di Dio: queste e molte altre forse sono le cause che rendono la storia medioevale di Roma una delle pi˙ torbide e intrigate che si possa pensare.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Arnaldo da Brescia
di Ruggero Bonghi
pagine 61

   





Roma Italia Roma Papa Roma Corte Papa Papa Dio Roma