Pagina (50/61)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Ancora qualche anno, e le discordie tra il papato e l'impero divennero acerbe; e il papato, pi˙ sicuro di Roma, dette la mano ai comuni d'Italia, che tennero dalla parte sua. Ma questa alleanza non sarebbe stata possibile, se i comuni avessero seguito Arnaldo, se i comuni, nello sviluppo dei loro ordini civili, si fossero proposti la mira di rovesciare gli ordini ecclesiastici. PerchÚ, dunque, Arnaldo avesse potuto trovare un tempo in cui vivere glorificato e primeggiare, gli sarebbe stato necessario nascere pi˙ secoli dopo e, si badi, oltr'Alpi. PoichÚ noi, noi Italiani, anche oggi possiamo onorarlo morto ed erigergli statue, ma non l'intenderemmo nÚ lo seguiremmo vivo. La sua parola ci riuscirebbe strana, o, dove ci paresse conforme all'animo nostro, egli la rigetterebbe come non sua. Il cattolicesimo, secondo dice il Machiavelli, ha spento nell'animo nostro la virt˙ di seguire e intendere chi cerca, in un ravvivamento di spirito religioso, la via di rinnovare la societÓ e la chiesa.
      I tempi in cui Arnaldo nacque, impar˛, predic˛, visse, non erano adatti a raccogliere nessun frutto dal pensiero di lui. Precursore di altri tempi, era in veritÓ estraneo a' suoi. Possiamo dire ch'egli s'affacciasse al mondo alla morte di Calisto II nel 1124, due anni dopo che il concordato di Worms ebbe posto una tregua alla lunga guerra dell'investiture tra il papato e l'impero. Fu una gloriosa guerra quella che il papato allora combattÚ e, si pu˛ dire, vinse: in cui la vittoria sua, se dette fomento a pretensioni soverchie e, pi˙ tardi, perturbatrici con danno del Papato stesso, giov˛ pure a suo tempo alla libertÓ della coscienza e alla civiltÓ che n'Ŕ sorta.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Arnaldo da Brescia
di Ruggero Bonghi
pagine 61

   





Roma Italia Arnaldo Arnaldo Alpi Italiani Machiavelli Arnaldo Calisto II Worms Papato