Pagina (79/124)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      30 Dopo quando gli sbarcano nell'Isola, dove gli conducono vendere, cosa da spezzar il core di chi si voglia, c'habbia in se qualche scintilla di piet, il vedere ignudi, e famelici fanciulli, e vecchi, huomini, e donne, che se ne cadono, svenendo per la fame.
      31 Poscia, come tanti agnelli gli separano, i padri dalli figliuoli, e le mogli dalli mariti, facendo branchi di loro di dieci, e di venti persone, e gittano la sorte sopra di essi, accioche habbiano le loro parti gli infelici armadori, che sono quelli, che mettono la loro parte di danaro per far l'armata di due, e tre vascelli, e per li Tiranni assassini, che vanno prenderli, e depredarli nelle loro case.
      32 E quando cade la sorte sopra un branco, dove vi sia qualche vecchio, infermo, il Tiranno cui tocca, dice, date quel vecchio al diavolo; a che me lo date? perche io lo seppellisca? questo infermo perche voglio io condurlo? per medicarlo? Vedasi qui, che conto fanno gli Spagnuoli de gli Indiani; e se adempiscono il precetto divino dell'amor del prossimo, dal quale pende la legge, & i Profetti.
      33 La Tirannia, ch'essercitano gli Spagnuoli contra gli Indiani nel cavar, pescar le perle, una delle cose crudeli, e reprovate, che siano nel mondo. Non vi sopra la terra vita cosi infernale, e disperata, che se le possa comparare, benche quella del cavar l'oro nelle minere sia grandissima, e pessima.
      34 Gli mettono nel mare, tre, e quattro, e cinque braccia al fondo, dalla mattina fino al tramontar del Sole. Stanno sempre nuotando sotto l'acqua senza respiro, cavando l'ostriche, dove si generano le perle.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Istoria o Brevissima relatione della distruttione dell'Indie Occidentali
di Bartolome de las Casas
1643 pagine 124

   





Isola Tiranni Tiranno Spagnuoli Indiani Profetti La Tirannia Spagnuoli Indiani Sole