Pagina (89/107)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      PompŔo Neri, Rinaldo Carli, Cesare Beccarýa, Pietro Verri non sono nomi egualmente noti all'Europa, ma tutti egualmente sacri nella memoria dei cittadini. La filosofia era stata legislatrice nei giureconsulti romani; ma fu quella la prima volta che sedeva amministratrice di finanze e d'annona e d'aziende communali; e quell'¨nica volta degnamente corrispose a una n˛bile fiducia. Tutte quelle riforme che Turgot abbracciava nelle sue visioni di ben p¨blico, e che indarno si affatic˛ a conseguire fra l'ignoranza dei p˛poli e l'astuzia dei privilegiati, si tr˛vano registrate nei libri delle nostre leggi, nei decreti dei nostri governanti, nel fatto della p¨blica e privata prosperitÓ.
     
     
      XL.
     
      S'intraprese il censo di tutti i beni, dietro un principio che poche nazioni finora hanno compreso. Si estim˛ in una moneta ideale, chiamata scudo, il valor comparativo d'ogni proprietÓ. Gli ulteriori aumenti di valore che l'industria del proprietario venisse operando, non dovŔvano pi¨ considerarsi nell'imposta; la quale era sempre a ripÓrtirsi sulla cifra invariÓbile dello scudato. Ora, la famiglia che d¨plica il frutto de' suoi beni, pagando tuttavia la stessa proporzione d'imposte, alleggerisce d'una metÓ il peso, in paragone alla famiglia inoperosa, che paga lo stesso cÓrico, e ricava tuttora il minor frutto. Questo premio universale e perpetuo, concesso all'industria, stimol˛ le famiglie a continui miglioramenti. Torn˛ pi¨ lucroso raddoppiare colle fatiche e coi risparmj l'ubertÓ d'un campo, che posseder due campi, e coltivarli debolmente.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Notizie naturali e civili su la Lombardia
di Carlo Cattaneo
1844 pagine 107

   





Neri Rinaldo Carli Cesare Beccarýa Pietro Verri Europa Turgot