Pagina (107/243)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Ma non si veniva a capo di nulla. Era la settimana in cui padron Gregorio credeva Irene occupata a cercargli la sposa. Si cominciava a veder buio nell'indugio; a ritentare delle osservazioni, che tradivano rinascenti sospetti.
      Tutto ci˛ svanÝ nella sorpresa suscitata dall'avvenimento che mandava a monte il matrimonio, e che faceva entrare Irene in casa del suocero. Tornando dal Pellegrino, lei non volle aspettar la sera per spargere la gran novitÓ. Pass˛ dal marito, a bottega, fece correre lui dai Furlin. E la sera accolse gli entusiastici applausi della famiglia, colla sua celestiale modestia.
      Fu una vera apoteosi. Ripensandoci bene, essi vedevano adesso soltanto da quale pericolo erano sfuggiti. Su quei visi accesi dall'ebbrezza del trionfo passavano dei brividi di raccapriccio. Se la Remedi avesse pensato a se stessa? se avesse dato a padron Gregorio un'altra nidiata di figli? Erano tanti i casi! Infine, Irene era stata davvero la provvidenza della famiglia.
      Ma passata la prima foga di ammirazione, l'orizzonte si annuvol˛ di nuovo. L'abilitÓ somma d'Irene, rivelandosi cosÝ brillantemente, lasciava dei sordi sospetti in quel pugno di gente scettica per i sentimentalismi della filantropia e del disinteresse. Il domani Mario si procur˛ un abboccamento colla cognata. Dalle prime parole, lasci˛ intendere che non voleva essere mistificato.
      - Mi congratulo con te. PapÓ Ŕ tuo e noi tutti siamo a tua discrezione. Ho idea che, adesso, tu pensi a farne veder delle belle a qualcuno...
      - Sei un ingrato ed un infame!


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

L'ereditÓ Ferramonti
di Gaetano Carlo Chelli
pagine 243

   





Gregorio Irene Irene Pellegrino Furlin Remedi Gregorio Irene Irene Mario