Pagina (6/196)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      SarÓ sempre meglio che seguire l'impulso, e fare uno sgarbo ad una persona che non piace.
      Dai dieci comandamenti del Decalogo derivarono tutti i trattati di morale che si scrissero poi, con tutti i loro raffinamenti e perfezionamenti. E dalle prime regole di civiltÓ insegnate da Monsignor Della Casa, emerse la cortesia cavalleresca dei nostri babbi, quella un po' pi¨... disinvolta che usiamo noi; ed emergerÓ pure la civiltÓ pi¨ gentile, lo spero, e raffinata, che beatificherÓ l'esistenza dei nostri nepoti fino alla pi¨ remota discendenza.
      ╚ lÓ, in quella parte di libriccino boccaccevole, che ho imparato per la prima volta a condurmi coi miei simili, e per˛, tutto quanto so delle convenienze sociali, il mio galateo, ed i galatei di tutti i tempi che verranno, non sono altro che l'ereditÓ di Monsignor Della Casa.
     
      PARTE PRIMA
     
     
      PAGINE ROSEE
     
     
      CAPITOLO I.
     
      Il bimbo.
     
      In tutte le leggi umane, ad ogni diritto fa riscontro un dovere. Ma il bimbo, piccino, inconsapevole, fragile come il vetro, ed imperioso come un sultano, fa eccezione alla legge generale.
      Per lui tutto Ŕ diritto, nulla Ŕ dovere.
      Gli inglesi, pi¨ serţ, pi¨ freddi di noi, malgrado le loro esclamazioni continue sulla famiglia, sull'Home, passano metÓ dell'anno girovagando in paesi stranieri, e pel poco tempo che rimangono at home, hanno provato il bisogno di inventare la nursery, una camera a parte, dove relegano i bambini colle nutrici e le bambinaie.
      Noi invece amiamo meglio la famiglia, la casa in cui passiamo tutta la vita. I bimbi non ci disturbano, non li isoliamo.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La gente per bene
di Marchesa Colombi
Editore Galli
1893 pagine 196

   





Decalogo Monsignor Della Casa Monsignor Della Casa Home