Pagina (49/171)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      ╗ domand˛ la segretaria.
      źPerchÚ mi sono graffiata tra i rami╗ rispose la Rachele che aveva riconosciuto le labbra amorose, ed il garofano della finestra di Giovanni.
      Poi, come se cercasse altri grappoli attraenti, si fece innanzi affrettando gradatamente il passo finchÚ si curv˛, scomparve sotto i tralci di vite, e si perdette nel vigneto.
      Nessuno le tenne dietro. Ciascuno era libero d'andare dove amava meglio.
      S'era fatta innanzi senza una risoluzione precisa. Sapeva che Giovanni era lÓ, ed il cuore la spingeva ad isolarsi.
      Dopo un tratto, aveva veduto la bella testa bruna traverso la vite, incorniciata di pampini come la testa di Bacco. Egli la guardava fissamente cogli occhi ardenti e mesti. E quegli occhi la attiravano irresistibilmente.
      A capo chino, rossa in volto, camminando a rilento, si fece innanzi fino a lui, come una magnetizzata. Allora egli si chin˛, sollev˛ i rami facendole un piccolo arco verdeggiante, ed ella pass˛ in silenzio.
      I rami ricaddero, ed i due giovani si trovarono l'uno in faccia all'altro, pallidi, commossi, palpitanti, in un filare vendemmiato.
      Giovanni le prese le mani e le disse: źParto doman l'altro. Per un anno non ci vedremo pi¨╗.
      Rachele chin˛ il capo e non rispose.
      La persona alta di Giovanni si stringeva a quella di lei, ed il suo viso, curvo sulla testa bionda della giovinetta, s'infiammava tutto del desiderio di stringerla fra le sue braccia. Il suo alito caldo le faceva tremolare i riccioli sulle tempia, le solleticava la nuca e l'orecchio. Rachele mise un sospirone come se avesse un gran peso sul cuore.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il tramonto d'un ideale
di Marchesa Colombi
pagine 171

   





Rachele Giovanni Giovanni Bacco Giovanni Rachele