Pagina (147/171)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      ..
      S'impadroný del giovine diplomatico, e pel rimanente della serata se lo tenne al braccio, interrogandolo su Fontanetto e sulla gente ch'egli vi aveva lasciata.
      Quel giovinotto aveva dei ricchi possedimenti in paese, e vi faceva una corsa ogni anno, per cui era bene informato.
      Il signor Pedrotti era morto di gotta da parecchi anni e Rachele aveva continuato a vivere solitaria nel suo vasto castello. NÚ prima della morte del padre nÚ poi, non aveva voluto saperne di prendere marito. L'aveva domandata l'ingegnere X di Maggiora, che era divenuto famoso fra gli architetti di Roma. Poi le avevano proposto il figlio d'Ipsilonne, quel possidente proprietario di quasi tutto il territorio di Fontanetto e Cavaglio e Ghemme, tanto ricco che lo chiamavano il Rotschild d'Italia. Poi era tornato a stabilirsi in paese quel fabbricante di violini, figlio della Tognina la mugnaia, il quale s'era fatto un patrimonio colossale ed un'educazione in America, e anche lui aveva offerto la sua mano ed il suo cuore ed i suoi milioni ed i suoi violini alla signorina Pedrotti; ma lei aveva rifiutati tutti. Alcuni dicevano che avesse un amore segreto, altri la credevano bigotta.
      Giovanni, nella disposizione di spirito in cui si trovava da qualche tempo, preferý la prima supposizione: che Rachele coltivasse un amore segreto nel cuore.
      Infatti perchÚ non ammettere che avesse aspettato lui? Quando era partito da Fontanetto era certo che lo amava. Alla prima s'era lasciata intimidire dall'autoritÓ del padre, e non aveva osato scrivergli nÚ fargli una promessa contro la volontÓ espressa di lui.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il tramonto d'un ideale
di Marchesa Colombi
pagine 171

   





Fontanetto Pedrotti Rachele Maggiora Roma Ipsilonne Fontanetto Cavaglio Ghemme Rotschild Italia Tognina America Pedrotti Rachele Fontanetto