Pagina (139/181)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Un giorno fu sorpreso da un assistente mentre strillava con tutta la forza de' suoi polmoni - Va' fuori d'Italia, va' fuori, o stranier! - e fu rinchiuso per castigo in un camerino di penitenza. D'allora confuse l'assistente coi tiranni della patria, e quando pensava alla redenzione d'Italia, pensava di redimersi dall'Austria e da lui.
      Circa quel tempo le lettere di Vicenzino cominciarono a farsi meno verbose, meno sentimentali. Aveva realmente qualche cosa da scrivere all'amico, un'angoscia da confidargli. Suo padre era ammalato. Egli cess˛ di fantasticare sull'amicizia, per descrivere le sofferenze dell'infermo, la tosse, l'affanno, le veglie; per riferire i giudizi del medico.
      Vincenzo aveva voluto bene a quel parente senza conoscerlo, forse per una certa analogia nei loro caratteri. La sua malattia lo distolse alquanto dai pensieri turbolenti che lo agitavano. Aspettava le nuove dell'infermo con ansietÓ, ed aveva ripreso a scrivere all'amico, per dargli coraggio e dirgli parole di simpatia. Un giorno ricevette un biglietto brevissimo: "Mio padre Ŕ morto quasi improvvisamente, quando pareva che cominciasse a star meglio. Sono solo al mondo."
      Erano vicine le feste di Natale. Vincenzo domand˛ una licenza per andar a passarle in famiglia, e partý, impaziente come Damone accorrente alla salvezza di Pizia.
      Prima di andare a SanthiÓ scese a Vercelli, e corse a vedere il cugino nella fattoria dove aveva vissuto quegli ultimi anni con suo padre, e dove l'aveva perduto. I due fanciulli erano molto cambiati, ma si riconobbero subito.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Senz'amore
di Marchesa Colombi
Editore Alfredo Brignola
1883 pagine 181

   





Italia Italia Austria Vicenzino Natale Damone Pizia SanthiÓ Vercelli Vincenzo