Pagina (143/181)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      La Laura, discorrendo coll'Elena di quel cambiamento, diceva:
      - Non Ŕ pi¨ tanto vanitoso Vincenzo; si va migliorando.
      Ma l'Elena, che non era assorta nelle fancende di casa, per le quali non aveva gusto, ed aveva pi¨ agio di studiare il fratello, rispondeva impensierita:
      - ChissÓ che cos'abbia, povero Vincenzo!
      Una mattina che i due giovani erano usciti a fare una lunga passeggiata sulla neve gelata della strada maestra, incontrarono un gruppo di contadine con dei panieri di ova e pollame, che andavano a vendere a SanthiÓ. Una bella donnona sulla trentina, che camminava davanti a tutte, dondolandosi sui fianchi, guard˛ arditamente in faccia Vincenzo, poi, ammiccando alle compagne con un riso maligno che le scopriva dei bellissimi denti, susurr˛ abbastanza forte per essere udita:
      - Che bel prete!
      Le altre risero forte.
      Vincenzo si fece rosso, i suoi occhi lampeggiarono di sdegno; mosse un passo innanzi come se volesse attaccar briga; ma subito si fren˛, e mormor˛ con rabbia:
      - Sciocche! Villane!
      Vicenzino, che aveva abbassato gli occhi per pudore, fu meravigliato di quel risentimento, e disse:
      - Via, non t'ha detto nulla di male, infine.....
      - Sono villane, ripetŔ Vincenzo con denti stretti. Non sanno veder un uomo vestito di nero senza chiamarlo prete.
      - Ti fanno un onore anticipato, torn˛ a dire Vicenzino con piglio conciliativo; se non sei ancora prete lo sarai.
      Vincenzo stette un po' senza rispondere, guardando in terra, poi disse colla voce strozzata:
      - GiÓ, lo sar˛.
      Vicenzino si ferm˛ sui due piedi e fiss˛ in volto il cugino.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Senz'amore
di Marchesa Colombi
Editore Alfredo Brignola
1883 pagine 181

   





Laura Elena Vincenzo Elena Vincenzo SanthiÓ Vincenzo Vincenzo Vicenzino