Pagina (61/124)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Tutte queste abitazioni sono governate da una formula, che li condanna a rassomigliarsi o per meglio dire a identificarsi. Questa formula eccola qui:
      Vendere al maggior prezzo possibile la minor quantit possibile di spazio e d'aria respirabile.
      Entriamo: la chiave sulla porta; non vi nulla a rubare. La maggior parte del tempo, l'inquilino non vi . L'inquilino non ama di essere visitato, come una bestia nel suo covile, sotto pretesto di carit o di riforma. Ma noi non vi troveremo punto n ammalati, n donne.
      Anzitutto un'abitazione una stanza. Noi troviamo, quasi dappertutto pi inquilini in una sola stanza; giammai due stanze per un solo inquilino.
      Qualche volta i locatari della stanza formano una famiglia; assai spesso essi sono sconosciuti gli uni agli altri; essi si incontrano nella loro stamberga come si possono incontrare nella strada.
      Quanti metri per ogni persona? Il regolamento pei prigionieri dice: a Londra metri cubi 17,98, in Olanda 27, a Friburgo 30.
      Il regolamento non prescrive, in Francia, che 15 metri cubi.
      Nella pratica se ne danno 20.
      La cella modello esposta nel 1878 dal Ministero dell'Interno e che era presa per tipo, ne aveva 30. Diciamo solamente che una cella nelle prigioni cellulari francesi ha venti metri cubi.
      quasi una gabbia: poich non fa tre metri in lunghezza e tre metri in larghezza da percorrere.
      Si prov la Commissione delle abitazioni insalubri a trovare queste misure in tutti gli alloggi. Ecco una misura presa a caso nel rapporto del signor Du Mesnil: 2,40 + 2,60 + 2,22 = 9,41. Sono dieci metri e sessanta d'aria e di spazio al di sotto di quello che si d al prigioniero, al condannato.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Milano in ombra.
Abissi plebei
di Lodovico Corio
Civelli Milano
1885 pagine 124

   





Londra Olanda Friburgo Francia Ministero Interno Commissione Du Mesnil