Pagina (28/169)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Chi trop'altro monta, con dolor dismonta.
      Chi ha tristo colore, non buon' medico ne dottore.
      Chi compra, e mente, la sua borsa il sente.
      Chi va a Bologna, catta febre o rogna.
      Chi del suo dona, Dio gli ridona.
      Chi vuol tener l'occhio sano, legasi la mano.
      Chi pesca vna volta, di pescator ha nome.
      Chi mangia l'arosto, roda l'osso.
      Chi tutto dona, tutto abandona.
      Chi indura, vale e dura.
      Chi non merenda, a cena l'emenda.
      Chiamar la gatta gatta.
      Chi pu ben morir, non cerchi indugio.
      Con l'error d'altri, il proprio si conosce.
      Chi perde la scrimia, mal si deffende.
      Chi ben serra, ben apre.
      Coloro c'hanno ducati, Signori son chiamati.
      Chi ha tempo, non aspetti tempo.
      Chi prima va al molino, prima macina.
      Chi non d'amor' soggetto, non conosce alcun diletto.
      Chi ha paura d'ogni ortica, non pisci in herba.
      Con arte, e con inganno, si viue mezzo l'anno.
      Con inganno, e con arte, si viue l'altra parte.
      Chi ha fiele in bocca, non pu sputar miele.
      Chi f i fatti suoi, non s'imbratta le mani.
      Chi laua la testa a l'asino, perd'il sapone e la liscia.
      Chi ben siede, male pensa.
      Con piombo, si taglia il diamante.
      Cuore pieno, borsa vuota.
      Col tempo e con la paglia, si maturano le nespole.
      Chi vergognoso, v da straccioso.
      Con i gatti, si pigliano i sorgij.
      Cattiuo quel' vento, ch'a nissuno prospero.
      Chi non vuol', quando puol', quando vorr, non potr.
      Chi troppo assottiglia, scauezza.
      Chi lingua ha, a Roma v.
      Cosa fatta, capo ha.
      Cane morto, non morde.
      Chi vuol l'incerto, vien dal certo a nulla.
      Chi contender non pu, spesso ha contesa.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Giardino di Ricreatione
di John Florio
Appresso Thomaso Woodcock
1591 pagine 169

   





Bologna Dio Roma