Pagina (41/139)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      S'una fede amorosa, un cor non finto,
      Un languir dolce, un desiar cortese;
      S'oneste voglie in gentil foco accese;
      S'un lungo error in cieco laberinto;
      Se nella fronte ogni penser dipinto,
      Od in voci interrotte appena intese,
      Or da paura, or da vergogna offese;
      S'un pallor di viola e d'amor tinto;
      S'aver altrui pi¨ caro che sŔ stesso;
      Se lagrimar e sospirar mai sempre,
      Pascendosi di duol, d'ira e d'affanno;
      S'arder da lunge ed agghiacciar da presso,
      Son le cagion ch'amando i' mi distempre;
      Vostro, donna, il peccato, e mio fia 'l danno.
     
      VI. In questa imitazione de' Trovatori il Petrarca inserý un verso tolto da' classici:
     
      Et tinctus viola pallor amantium. Horat.
     
      Pure con quanta dilicatezza e veritÓ lo ha egli migliorato col modo felice - Pallore tinto di viola e d'amore! - Maria Stuarda, destinata dalla prima giovent¨ all'amore e alle afflizioni, tradusse lo stesso verso d'Orazio nella sua Monodia (conservata da Brant˘me) in morte del suo giovane marito, Francesco Secondo:
     
      Mon pÔle visage de violet teint,
      Qui est l'amoureux teint.
     
      Sebbene il Petrarca ravvisasse ne' poeti latini i maestri suoi, per gran ventura giudic˛ nondimeno che non sarebbero potuti degnamente imitarsi nella lingua italiana: quindi tolse da essi parcamente; nŔ so ravvisare pi¨ di due o tre versi di Virgilio, di Ovidio e di Orazio, di cui, tentato piuttosto da inevitabile reminiscenza che da propostasi imitazione, accidentalmente e' si giovasse:
     
      Agnovit longe gemitum prťsaga mali mens. Virg.
      Mente mia, che presaga de' tuoi danni.
     
      Elige cui dicas: tu mihi sola places.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Saggi sopra il Petrarca
di Ugo Foscolo
Carabba Editore Lanciano
1928 pagine 139

   





Trovatori Petrarca Stuarda Orazio Monodia Brant˘me Francesco Secondo Petrarca Virgilio Ovidio Orazio