Pagina (55/139)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      (52) Per quanto a' nostri moderni compositori di Opere possano apparir brevi i Sonetti e le Canzoni, ond'essere suscettivi di musica, non Ŕ per tal rispetto men vero, che quelle voci sono derivate da Suono e da Canto, e che da' poeti furono spesso poste note musicali alle stanze loro. Tra' manuscritti di Franco Sacchetti e d'altri contemporanei del Petrarca, che ancora si conservano in Firenze, la seguente nota trovasi in capo di alcuno de' loro sonetti: Intonatum per Francum, - Scriptor dedit sonum. Il sistema della musica italiana per contrappunto era stato creato tre secoli innanzi da Guido d'Arezzo; e solo a' nostri dý fu raffinato e complicato da' seguaci della scuola tedesca. La poesia non era a que' tempi in Italia il mero caput mortuum della musica; e l'umana voce, in luogo di venir sottomessa quale accessorio all'orchestra, teneva la parte principale, ed era accompagnata da inanimati strumenti tanto solo, quanto fosse necessario a sostenerla, e a regolarne le modulazioni. Le parole potevano allora colpire l'orecchio di minor maraviglia che i toni; ma pi¨ vibrate penetravano il cuore, e con pi¨ utilitÓ parlavano alla mente. Il Petrarca compose i suoi versi al suono del suo liuto, che leg˛ nel testamento ad un amico;(53) ed ebbe voce dolce, flessibile e di grande estensione.(54) Tutta la poesia d'amore de' predecessori, da quella di Cino in fuori, manca di dolcezza di numeri; ma la dolcezza del Petrarca Ŕ animata da varietÓ e ardore tale, che nessun lirico italiano ha mai conseguito l'uguale.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Saggi sopra il Petrarca
di Ugo Foscolo
Carabba Editore Lanciano
1928 pagine 139

   





Opere Sonetti Canzoni Suono Canto Franco Sacchetti Petrarca Firenze Intonatum Francum Guido Arezzo Italia Petrarca Cino Petrarca