Pagina (167/176)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Ma le turbe de' mediocri opprimevano i pochissimi grandi. L'eloquenza era arte ambiziosa nelle UniversitÓ; la troppa dottrina snervava l'immaginazione; e la sentenza intorno alla quale s'aggira tutta la poetica d'Aristotile - źChe l'uomo Ŕ animale imitatore╗ - quantunque variamente chiosata da molti, era superstiziosamente inculcata e obbedita in questo da tutti: - źDoversi imitare, non la natura, ma gli imitatori della natura.╗ - Per˛ le lettere, giovando alle arti, a' governi, alla Chiesa, e alle scuole, non esaltavano le passioni, non illuminavano la veritÓ nelle menti, non ampliavano i confini dell'arte; mortificavano le originalitÓ degli ingegni. E per la nazione non v'era lingua, perchŔ lo scrivere e intendere la latina era meritamente privilegio de' dotti; e l'italiana, comecchŔ men parlata che intesa da tutti, rimanevasi patrimonio di grammatici, che disputavano fin anche intorno al suo nome.
      La predizione di Dante pur si avverava, volere e non volere, a ogni modo. Il dialetto fiorentino rifiutava di lasciarsi scrivere, se non era confuso dall'ingegno degli autori nella materia generale della lingua letteraria, e rimodellato con forme diverse. Bernardo Davanzati si prov˛ di negarlo col fatto, e profess˛ di avere tradotto in volgare fiorentino gli Annali, e la Storia di Tacito. Gli fu creduto, perchŔ cosý pare a prima vista in chi non Ŕ assuefatto da lungo esercizio a discernere il vero in queste materie difficilissime insieme e tediose; e dall'altra parte niuno lo neg˛, perchŔ tale fu il decreto unanime e perpetuo dell'Accademia della Crusca di cui egli era membro; ed Ŕ un de' pochissimi ch'oggi meriti d'essere ricordato con ammirazione.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Sulla lingua italiana
Discorsi sei
di Ugo Foscolo
Istituto Editoriale Italiano
1914 pagine 176

   





UniversitÓ Aristotile Chiesa Dante Davanzati Annali Storia Tacito Accademia Crusca