Pagina (19/290)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Neque hic miretur Marius, Consule se prŠtermisso, cum GalilŠo rem transigi. Primum, enim, GalilŠus ipse, in litteris ad amicos Romam datis, satis aperte disputationem illam ingenii sui fťtum fuisse profitetur; deinde, cum idem Marius peringenue fateatur, non sua se inventa, sed quŠ GalilŠo veluti dictante excepisset, summa fide protulisse, patietur, arbitror, non inique, cum Dictatore potius me de iisdem, quam cum Consule, interim disputare."
      In tutto questo restante del proemio io noto primamente, come il Sarsi pretende d'aver fatto cosa grata a molti colla sua impugnazione: e questo forse pu˛ essergli accaduto con alcuni che non abbiano per avventura letta la scrittura del signor Mario, ma se ne sieno stati all'informazion sua; la quale venendo fatta privatamente e (come si dice) a quattr'occhi, quanto e quanto sarÓ ella stata lontana dalle cose scritte, poi che in questa publica e stampata ei non s'astiene d'apportar in campo moltissime cose come scritte dal signor Mario, le quali non furon mai nÚ nella sua scrittura nÚ pur nella nostra imaginazione? Soggiunge poi, volersi astenere da quelle parole che danno indizio pi¨ tosto d'animo innasprito ed adirato, che di scienza: il che quanto egli abbia osservato, vedremo nel progresso. Ma per ora noto la sua confessione, d'essere internamente innasprito ed in collera, perchÚ quando ei non fusse tale, il trattar di questo volersi astenere sarebbe stato non dir˛ a sproposito, ma superfluo, perchÚ dove non Ŕ abito o disposizione, l'astinenza non ha luogo.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il Saggiatore
di Galileo Galilei
Ricciardi Editore
1953 pagine 290

   





Marius Consule GalilŠo GalilŠus Romam Marius GalilŠo Dictatore Consule Sarsi Mario Mario