Pagina (208/356)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Il giorno seguente, credo, il nemico invi˛ un forte nerbo di forze ad attaccare i nostri in Caiazzo, che in pochi, furono obbligati di evacuare, e ritirarsi precipitosamente verso la sinistra del Volturno, dopo d'essersi valorosamente battuti, ed aver perduto non pochi militi, morti, feriti, ed affogati nel fiume. L'operazione di Caiazzo fu pi¨ che un'imprudenza, una mancanza di tatto militare, da parte di chi la comandava. - E serva quell'esempio ai nostri giovani militi, tuttora obbligati a studiare quella manÝa di macellar gli uomini, che si chiama arte della guerra.
      L'ordine mio, nel lasciar l'esercito, era di gettar delle bande sulle linee di comunicazione del nemico, non di prender posizione fissa a poche miglia dall'esercito borbonico, con un fiume come il Volturno fra mezzo agli occupatori poco numerosi di Caiazzo, ed i loro sostegni sulla sponda opposta.
      Il valorosissimo colonnello Simonetta, che comandava sulla sponda sinistra del fiume, e che sostenne come potŔ la ritirata dei nostri vinti di Caiazzo, piangeva di disperazione al miserando spettacolo, giacchŔ i volontari non pratici dei passi del Volturno, e perseguiti da vicino dal nemico, furon obbligati di gettarsi nel fiume, senza scelta, e caddero in un sito rapido e vorticoso.
      Intanto l'impresa infelice di Caiazzo imbaldanzý il nemico, demoralizz˛ la parte nostra, ci obblig˛ dall'offensiva passare alla difensiva, e fu per i borbonici un fortunato preludio della gran battaglia meditata, che sarebbe stata differita senza dubbio, e che per ci˛ ebbe luogo pochi giorni dopo, il 1░ e 2 ottobre.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

I Mille
di Giuseppe Garibaldi
Tipogr. Camilla e Bertolero
1874 pagine 356

   





Caiazzo Volturno Caiazzo Volturno Caiazzo Simonetta Caiazzo Volturno Caiazzo