Pagina (136/416)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Ma diamo questo all'ambizione e alla smania di porsi in vista, che Ŕ malattia della razza. Quello che pi¨ mi pone in sospetto, fu il solito promettere Roma e Toma, il far vedere macchine di fisica, collezioni di pietre, scuole di disegno ec, ec., e poi sapere che queste lezioni o si danno tardi e negli ultimi mesi, o bisogna procurarsele pagandole oltre la retta. Di lingua italiana si discorre poco, e quel poco pi¨ per condiscendere al desiderio universale che per sentirne la necessitÓ, per quello che mi parve; si assorbono i pi¨ begli anni dell'infanzia e dell'adolescenza colla lingua latina e con altri studi minuti, spezzati, tali da empire la testa di mille frantumi, senza nutrirla di niuna cosa solida. Fu dato un esperimento, nel quale la nullitÓ e l'ostentazione fecero solenne pompa di sŔ: chi aveva un po' di senno e un briciolo di cuore, uscý deplorando la sorte di quei poveri giovinetti dati in mano dei cani che le gli stroppiano sotto colore d'educarli. E sono poi persuasi di sapere; e quando s'accorgono di non saper nulla, o (peggio) di saper male, o si sgomentano e coram populo rimangon lý, o son costretti a ritornare daccapo, prendendo gli insegnamenti del Collegio per norma del come non si fa. Questa sola cosa ti basti per mille che potrei dirtene: uno dei temi da trattarsi in poesia lÓ all'improvviso, era Michelangelo, ossia il risorgimento delle arti. Ora sai che Michelangelo segna appunto la decadenza, e che il vero regno dell'arte sta tra questi due confini: comincia in Giotto, termina in Michelangelo: crimine ab uno disce omnes.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Epistolario
Volume Primo
di Giuseppe Giusti
Le Monnier Editore Firenze
1863 pagine 416

   





Roma Toma Collegio Michelangelo Michelangelo Giotto Michelangelo