Pagina (197/416)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Forse l'erba non comporta quel clima, quel terreno; e il ghiaccio, e la mancanza d'erbe e d'insetti, non lascia che v'allignino i pesci, o che vi si fermino gli uccelli aquatici, seppure l'ali li portano a quell'altezza. Trovammo da una costa del lago infinit di pietre piene di nomi e di segni, parte antichi e rosi dal tempo, parte recenti, incisi a punta di coltelli o di chiodi. Ogni umano vestigio ti tocca il cuore in quelle solitudini, ed ora solamente che nel rammentarmi d'aver letto anco in quelle pietre Conte tale e Marchese tale, mi vien da ridere, quasi che il tempo dovesse rispettare quei titoli, come se fosse il custode del Casino. Ho detto che in luoghi deserti non par vero trovare le orme dell'uomo; e specialmente se hai la sorte di leggere il nome d'un conoscente e d'un amico, ti pare di non esser pi solo. meglio portare scritto nella mente la memoria di quei luoghi, che scordarli appena veduti e solamente lasciarvi l'allumacatura del proprio nome. Ma per tutto cos. Oramai non c' muro n sasso niente niente celebre, salvo da queste morsicature di nomi e di casati, utili se non altro alla statistica de' vagabondi, posto che i pi meschini sieno i pi prodighi di s e del proprio nome, come della firma i falliti. So che al San Bernardo, alla casa del Petrarca in Arqu e in mille altri luoghi si tiene aperto un gran libro nel quale scarabocchiano qualcosa tutti quelli che passano. Quest'uso (che ci ha fruttato un dolcissimo sonetto dell'Alfieri e qualche altra bella cosa) ora diventato contagioso, e non c' villa, non c' tavolino che non abbia l'album.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Epistolario
Volume Primo
di Giuseppe Giusti
Le Monnier Editore Firenze
1863 pagine 416

   





Marchese Casino San Bernardo Petrarca Arqu Alfieri