Pagina (267/416)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Ognun del pari ostentaBestemmie e Miserere,
      Tutto, tutto doventaArte di non parere.
      Tornate in Firenze, v'aspettiamo a braccia aperte. Noi Toscani siamo i pi curiosi, i pi sgloriati, i pi beati pacifici della penisola. Sono trecent'anni che ci cullano: si sarebbe addormentato anco non so chi mi dire; pure quando c' chi rammenta che tempo fa si vegliava, si sente di volergli bene, e quasi quasi ci stiriamo e ci cominciamo a infilare le calze. Venite; ci troverete sempre col berretto da notte, ma coi piedi fuori delle lenzuola.
      86.
      Ad Andrea Francioni.146
      Pescia, 11 marzo 1812.
      Mio caro Drea.
      In due parole siamo sbrigati. A brucia pelo, modo usitatissimo: spetta al tiro dell'armi a fuoco, e si dice quando l'animale tanto vicino da abbronzargli il pelo, o colla vampa della botta, o collo stoppaccio; la qual cosa non accade quando a giusta distanza, perch allora il piombo passando per impeto e non per calore, fora senza abbruciare. I cacciatori volendo dire d'aver tirato a un animale da vicinissimo, dicono ancora: gli ho messo lo stoppaccio in corpo; ed un fatto che a due o tre passi ferisce lo stoppaccio medesimo, tanta la violenza della polvere nello sprigionarsi. Nota bene che gli ho tirato a brucia pelo, ora si dice tanto d'un quadrupede quanto d'altro animale qualunque, ma si conosce a colpo d'occhio che l'espressione nasce particolarmente dalla caccia de' quadrupedi, unica caccia che una volta si facesse col fucile; quanto ai volatili s'andava o colle panie, o colle reti, o col falco.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Epistolario
Volume Primo
di Giuseppe Giusti
Le Monnier Editore Firenze
1863 pagine 416

   





Miserere Firenze Toscani Andrea Francioni Drea