Pagina (315/416)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      In questo Ella Ŕ superiore al Porta, e noi siamo ben contenti di confessarlo, e di godere del beneficio che il mirabile di Lei ingegno sa fare anche per questa parte all'Italia nostra: in mezzo a tante bellezze di condotta, di pensiero, di che abbondano le sue poesie, dove non Ŕ raro di vedere le pi¨ alte veritÓ compendiate in un frizzo e messe alla portata del popolo; Ŕ una gran delizia quella di trovar tutto fuso un maraviglioso profumo di lingua e di stile.
      Prosegua, sig. Giusti, nella splendida carriera a consolazione di questa nostra povera patria, voglia aver la bontÓ di considerare nel numero de' suoi sinceri amici chi senza bisogno della di Lei condiscendenza si Ŕ giÓ da un pezzo dichiarato tra i suoi pi¨ caldi ammiratori.
      Tommaso Grossi.
      121.
      A Tommaso Grossi.
      Caro Signor Grossi.
      DacchŔ mi lasciai vincere dalla tentazione di mandare a Lei e al Manzoni quei due Scherzi, sono stato colla febbre addosso d'aver fatto una minchionerÝa, perchŔ in veritÓ o bisogna avere il capo in cembali, o confidare alla cieca nella bontÓ degli altri, per farsi avanti da sŔ, lÓ all'impazzata, come faceva il nostro professor Pacchiani quando era vivo. ╚ vero che mi raccomandai alla marchesa D'Azeglio, perchŔ rimediasse in qualche modo a questa scappata, facendo valere l'affetto grande che sentii per Manzoni e per Lei fino da quando ebbi letto i Promessi Sposi e l'Ildegonda, e la viva gratitudine per certe parole cortesi dette da loro in favore di quel poco che ho fatto, e che un buon vento m'aveva portate all'orecchio.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Epistolario
Volume Primo
di Giuseppe Giusti
Le Monnier Editore Firenze
1863 pagine 416

   





Porta Italia Grossi Tommaso Grossi Signor Grossi Manzoni Scherzi Pacchiani D'Azeglio Manzoni Promessi Sposi Ildegonda