Pagina (390/416)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Se ho mai desiderato di spezzarmi in due, come dicono di Sant'Antonio, questo il caso; e pagherei non so quanto se potessi scendere di sella in anima e rimanerci in carne e in ossa, per vedere la bella figura. Non sentendomi da tanto, mi considero alla meglio nell'ombra e invidio la matita di chi ha fatte le vignette al Don Chisciotte.
      Ho lette e rilette attentissimamente le poesie del Porta e del Grossi, e a forza di tempestarci su e di tirare a indovinare, ho trovato il bandolo del dialetto milanese, tanto da assaporarlo. Mirabili tutti e due: il Porta per quella vera lepidezza comica che versa a rifascio, il Grossi per un certo che di malinconico che il suo forte anco negli altri scritti. Quelle sestine in morte del suo amico, e la Fuggitiva, m'hanno strappate le lacrime: il cuore ha parlato poche volte cos schietto, cos intiero. Ditelo al Grossi da parte mia, e se avesse qualche altra cosa di sotto banco o sua o del Porta, pregatelo di mandarmela. Voi rammentatevi della Prineide, e se potete, speditemi anco l'edizione delle cose del Porta fatta da quei galantuomini di Lugano, che stanno l sulle porte d'Italia a vivere di ruffa e di contrabbando.
      Seppi di Massimo che era giunto pochi giorni dopo; per tutte le ragioni, io non avrei potuto andar seco. Lasciamo l la geometria: molti anni di fastidi e un anno di patimenti, mi hanno ridotto a vivere sulla lavagna. Dello sposalizio di Mayer, non ne sapevo nulla neppure io; egli stesso me ne dette la nuova nella prima lettera che mi scrisse quass, ridendo della celia.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Epistolario
Volume Primo
di Giuseppe Giusti
Le Monnier Editore Firenze
1863 pagine 416

   





Sant'Antonio Don Chisciotte Porta Grossi Porta Grossi Fuggitiva Grossi Porta Prineide Porta Lugano Italia Massimo Mayer