Pagina (153/163)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      - Ma cotesto estremo obiettivismo s'infrange ora nel ritorno a Kant, ossia nel criticismo. Marx fu incompleto. Non seppe superare Hegel, non trov˛ l'espressione adeguata delle sue tendenze, ricadde nella romantica di Rousseau, invano si prov˛ a districarsi da Ricardo e da Smith, dei quali tent˛ la critica, e rimase autore di un sistema incompleto. C'Ŕ in lui come una tragica filosofica. Fece servire a nuovi ideali le idee giÓ vecchie, non seppe trovare altre molle al rivoluzionarismo, se non negl'impulsi all'edonismo, e per ci˛ rimase aristocratico ed assolutista nella sua passione rivoluzionaria.
      Cotesti tratti, che sarebbero pennellate per chi disponesse della facoltÓ dello stile, questi tratti i quali possono farci avvertiti del come corra attraverso tutta la storia una continua gran tragedia del lavoro (13), lasciano impassibile il nostro autore nella sua accademica pedanteria. Lui non contrappone concezione a concezione nel rapido sguardo di una nuova interpretazione dei destini umani, ma obietta solo in nome "della missione del nostro tempo a ritrovare una nuova sintesi delle scienze" (p. 513). - E qui di nuovo Hume e Kant, e la domanda: che Ŕ la veritÓ? E poi si discorre della nuova neoetica, che deve discendere scientificamente alla critica della societÓ. La nuova filosofia deve risolvere il problema della religione, che Marx credette d'aver superato, facendo di quella una forma illusionale. Il pessimismo Ŕ la nota dominante del nostro tempo.
      Schopenhauer s'avvicin˛ in parte al vero, nel fare della volontÓ la radice del mondo.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Del materialismo storico
Dilucidazione preliminare
di Antonio Labriola
pagine 163

   





Kant Hegel Rousseau Ricardo Smith Hume Kant Marx