Pagina (39/68)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Verso il 1550 il pavimento della piazza di San Marco si trov˛ cosý inferiore al livello del mare, che fu d'uopo innalzarlo d'un piede, senza che ci˛ abbia tolto che essa fosse poi ancora di tratto in tratto inondata.
      Il Donati poi scrive che nell'anno 1722 fu fatto in Venezia il pavimento della piazza di S. Marco superiore da un piede e mezzo in due al comune livello del mare. In occasione di tale lavoro fu escavato in alcuni luoghi della stessa piazza, ed alla profonditÓ di cinque piedi ritrovossi un altro pavimento alla posizione delle acque da tre a tre piedi e mezzo sottoposto. Nell'isola di S. Giorgio, che fa parte di Venezia, vedonsi sotto il livello attuale dell'Adriatico resti d'un edificio romano che doveva un tempo superare il pelo dell'acqua.
      Adria presenta pur essa delle prove che colÓ il suolo soggiacque a reale depressione; molto al disotto del livello attuale del suolo, e quindi al disotto eziandio del livello dell'Adriatico, poichŔ le acque salse occupano le paludi che circondano quella cittÓ, si sono rinvenute le vestigia d'un antico teatro. Comacchio ancora mostra un qualche abbassamento del suolo, essendosi le sue valli d'alquanto ampliate. Nel 1731 il Manfredini e lo Zendrini, chiamati a visitare la cattedrale di Ravenna ed altri luoghi, onde riparare ai danni che le acque spesso cagionavano ad essi, ebbero ad osservare che sotto al pavimento della chiesa predetta ne esistevano altri due, il pi¨ antico dei quali alla profonditÓ di piedi quattro ed once sette; perlochŔ vedevasi che in altre epoche anteriori erasi dovuto innalzare il piano della medesima.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il mare
di Michele Lessona
Tipografia Sebastiano Franco Torino
1864 pagine 68

   





San Marco Donati Venezia S. Marco S. Giorgio Venezia Adriatico Adriatico Manfredini Zendrini Ravenna