Pagina (19/283)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Robe manesche(25), a tutte fece vento(26).
     
      12
      Ma non fa s che la sorella sbuchi,
      Di modo ch'ei la chiama e le fa fretta:
      La solletica, e dice: Ovva, fuor bruchi(27):
      Lo spedalingo(28) vuol rifar le letta.
      S'allunga e si rivolta come i ciuchiElla, che ancor del vino ha la spranghetta(29):
      E fatto un chiocciolin(30) sull'altro lato,
      Le vien di nuovo l'asino legato(31).
     
      13
      Oh corna! disse il re degli smargiassi:
      E intanto le coperte avendo preso,
      Le ne tira lontan cinquanta passi;
      Ma in terra anch'egli si trov disteso;
      O che per la gran furia egli inciampassi;
      O ch'elle fusson di soverchio peso;
      Basta ch'ei batt il ceffo, e che gli tornaIn testa la bestemmia delle corna(32).
     
      14
      Ella svegliata allora esc del nidio:
      E dicendo che 'n ci gli sta il dovere,
      E ch'ei non ha n garbo n mitidio(33),
      Non si pu dalle risa ritenere;
      Cosa ch'a Marte diede gran fastidio:
      Ma perch'ei non vuol darlo a divedere,
      Si rizza e froda(34) il colpo che gli duole:
      Poi dice che vuol dirle due parole.
     
      15
      D' pur, la dea risponde, ch'io t'ascolto:
      Hai tu finito ancora? ovva d' presto;
      Ma prima di quei panni fa' un rinvolto,
      E gettalo in sul letto, ch'io mi vesto.
      Quello non sol, ma quanto aveva toltoDi quella cassa, ei rende, e mette in sesto:
      E postosi a seder su la predella(35),
      Con gravit dipoi cos favella.
     
      16
      Sirocchia, male nuove; poich in terraVeggiam ch'all'armi pi nessuno attende;
      Onde il nostro mestiere, idest la guerra,
      Che sta in sul taglio(36), non fa pi faccende.
      Sai che la Morte ne molesta e serra,
      Che la sua stregua(37) anch'ella ne pretende;


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il Malmantile riacquistato
di Lorenzo Lippi (Perlone Zipoli)
Barbera Editore Firenze
1861 pagine 283

   





Ovva Marte Morte