Pagina (67/283)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      E con un bel vestito di broccato,
      Che a nolo(433) egli ha pigliato dall'Ebreo,
      Tutto splendente viensene al corteo.
     
      6
      N per ancora le Ugnanesi gentiHanno veduto comparire in scena
      La materia che d il portante(434) a' denti,
      E rende al corpo nutrimento e lena;
      Perci molti ne stanno malcontenti,
      Che son usi a tener la pancia piena:
      E ben si scorge a una mestizia tale,
      Che la mastican tutti pi che male.
     
      7
      tra costoro un certo girellaio(435),
      Che per l'asciutto(436) va su i fuscellini(437),
      Male in arnese, e indosso porta un saioChe fu sin del Romito de' Pulcini(438).
      Ci chi vuol dir ch'ei dorma in un granaio,
      Perc'ha il mazzocchio(439) pien di farfallini:
      matto in somma; pur potrebbe ancoraUn d guarirne, perch il mal d in fuora(440).
     
      8
      E perch'ei non avea tutt'i suoi mesi(441),
      Fu il primo ad esclamare e far marina(442),
      Forte gridando: oim! ch'io vado a Scesi(443)
      Pel mal che viene in bocca alla gallina(444).
      Onde Eravano e don Andrea Fendesi,
      Che abbruciavano insieme una fascina,
      E per cibare i lor ventri di struzzoli(445)
      Cercavan per le tasche de' minuzzoli,
     
      9
      Mentre di gagnolar giammai non restaCostui ch' senza numero ne' rulli(446),
      Anzi rinforza col gridare a testa(447),
      Lasciano il fuoco e i vani lor trastulli:
      E per vedere il fin di questa festa,
      Se ne van discorrendo grulli grulliDel bisogno ch'essi han che 'l vitto giunga,
      Perch sentono omai sonar la lunga(448).
     
      10
      Cos domandan chi sia quei ch'esclama,
      E mette grida ed urli s bestiali.
      Gli detto: questo un tale che si chiamaPerlone, dipintor de' miei stivali;


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il Malmantile riacquistato
di Lorenzo Lippi (Perlone Zipoli)
Barbera Editore Firenze
1861 pagine 283

   





Ebreo Ugnanesi Romito Pulcini Scesi Eravano Andrea Fendesi