Pagina (146/283)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
     
      32.
      Per seguiam con Paride le Dee
      A veder cose belle e stravagantiE prima troverem di gran miscee:
      Corpi di mummie ed ossa di giganti:
      Essere in corpo a un pesce due galee,
      Impietrite con tutt'i naviganti,
      Legni, li quali esse han per tradizioneChe fur fatti del giuggiol(910) di Nerone.
     
     
      33.
      Chiuse in un vaso poi vedrem le gotteCh'ebbe quel vecchio chioccia(911) di Sileno;
      E l'asta che fu, dicon, di Nembrotte,
      Con che volle infilzar l'arcobaleno;
      Bench si creda pi di Don Chisciotte:
      E veramente non pu far di meno,
      Perch in vetta, nel mezzo della lama,
      V' scritto Dulcinea ch'era sua dama.
     
      34.
      Pende dal palco un secco gran serpenteChe quasi al coccodrillo s'assomiglia;
      E dicon che la coda solamentePer la lunghezza arriva a cinque miglia;
      Ma quel che pi curioso di nente
      certo, una grandissima conchigliaOve fra minuta alga e poca rena
      Sta congelato un uovo di balena(912).
     
      35.
      Evvi un mantice, il qual per via d'ingegniSoffiando fa girare uno strumento
      D'un arcolaio a ventiquattro legni,
      Invenzion nuova d'orivolo a vento;
      Perch'ogni stecca ha i suoi numeri e segniChe mostran l'ore, e' quarti e ogni momento.
      Chi vi dipana sa quant'ei lavora,
      Ch'al fin d'ogni gomitol suona l'ora.
     
      36.
      Una sfera bellissima si vedeCh' sopr'a un ben tornito piedistallo,
      Che per giustezza tutte l'altre eccede,
      O sien fatte di legno o di metallo;
      Vada pure e sotterrisi Archimede
      Con quella sua ch'ei fece di cristallo,
      Ch'e' bisogna guardarla e starsi addietro,
      Perch si rompe(913) giusto come il vetro.
     
      37.
      Ch questa, che con ogni diligenza


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il Malmantile riacquistato
di Lorenzo Lippi (Perlone Zipoli)
Barbera Editore Firenze
1861 pagine 283

   





Paride Dee Nerone Sileno Nembrotte Don Chisciotte Dulcinea Archimede