Pagina (206/283)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      (4) DELITTO IN CRIMENLESE, di lesa maest.
      (5) FARE UNA PEDINA fraudare altri di ci ch'egli vicino a conseguire. Qui intende fraudarla del regno. Modo preso dal giuoco degli scacchi.
      (6) CORRER QUESTA LANCIA.Tirare a fine quest'opera: dai giuochi degli anfiteatri.
      (7) GRATTAMI LA PANCIA. Fa' tu a me, divenuto cicala, ci che a te si suole, per farti cantare. Grattare il corpo a uno vale, cercare di cavargli di bocca un segreto, o cosa almeno ch'e' non vuol dire.
      (8) IL CIEL LA BENEDICA. Pazienza, quel che fatto fatto.
      (9) MI RINCARI IL FITTO, quasi il fisso, il fissato; come dicesse: mi faccio io forse pagare? usa per dire: non temo le male lingue.
      (10) VOSTRA ALTEZZA Il cardnale Leopoldo de' Medici.
      (11) BALDORIA fiamma di materie aride, che presto finisce, fatta per lo pi per allegria. - Quelle faville che prima di spengersi errano per le ceneri della carta arsa, diconsi dai bambini LE MONACHINE che VANNO A LETTO.
      (12) N, BEN N PRESSO, Tutti intendono: n bene n presso a bene. Ma poich l'immagine dal tessere, non potrebbe voler dire: il filo non va spedito bene, n s'accosta presso agli altri, s che la tela riesca uguale?
      (13) BEN DI DIO. Grazia di Dio, vivande squisite.
      (14) BROZZI luogo sotto Firenze, che d, o dava, un vino debole.
      (15) PER UNO SCHERZO. Per istravizio o tornagusto.
      (16) TOCCA IL CUORE. Va al cuore, gusta moltissimo.
      (17) IDEA. Intelletto mente.
      (18) VAN PER LA MAGGIORE. Sono di prima classe; qui, di gran dottrina. Il modo dai magistrati delle Arti di Firenze, le quali dividevansi in Maggiori o Minori.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il Malmantile riacquistato
di Lorenzo Lippi (Perlone Zipoli)
Barbera Editore Firenze
1861 pagine 283

   





Tirare Leopoldo Medici Dio Firenze Arti Firenze Maggiori Minori