Pagina (238/283)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      (Biscioni)
      (489) FTTI CAPANNA. Diventa capacissimo, s che si possa insaccar sempre.
      (490) DIMENAR LE DITA ecc. Lavorare, per mangiar come lupi.
      (491) PARTITO VINTO. Determinazione presa irrevocabilmente.
      (492) PER NEMMEN. Anche solo a sentir me che lo nomini.
      (493) IL BARTOLI, Cosimo, fu un reputato ingegnere.
      (494) S'EGLI IN VALIGIA. Se in collera.
      (495) COMPRARE IL PORCO. Andarsene senza dire addio, come fa chi, nel comprare, inganna il venditore; che se ne va subito, per paura di essere richiamato a rivedere i conti.
      (496) SMANNORO: Si dovrebbe dire Ormannoro. Campi Ormannorum, erano certe pianure vicine a Firenze possedute dagli Ormanni.
      (497), A RIVEDERCI ecc. il saluto di congedo attribuito alle volpi, di cui si dice che tutte finiscono in pellicceria.
      (498) SCACIATO. Scornato, deluso.
      (499) RIGIRO. Il fuoco artifiziato.
      (500) IL CONTO. Questa parola non aggiunge nulla al tirare innanzi; ma, dice il Minucci, l'uso nato da quei che tengono i libri di debitori e creditori, ci obbliga a dir cos.
      (501) DIACCIATO qui vale serrato. Vedi c. III, 3.
      (502) RAPINA. Rabina, rabbia
      (503) DICEVO ecc. Brontolavo imprecando.
      (504) CHIOSA. Punto, iota, acca.
      (505) ZEZZA RICADA. Ultima noia, molestia.
      (506) PRRE IL FIASCO. Vedi c. I, 76. Ma qui credo che prre sia contratto da porgere e non da ponere. Di questi forami o finestrini da porgere il fiasco a chi va a comprare il trebbiano (vino qualunque) dai privati, se ne vede ancora moltissimi nelle case e fin nei palazzi di Firenze.
      (507) A SGRAFFIO o graffito si dipinge con un ferro acuto nell'intonacatura fresca dei muri.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il Malmantile riacquistato
di Lorenzo Lippi (Perlone Zipoli)
Barbera Editore Firenze
1861 pagine 283

   





Biscioni Cosimo Ormannoro Ormannorum Firenze Ormanni Minucci Firenze