Pagina (239/283)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      (508) DAL NEMICO ecc. Portataci dal diavolo; ch in altro modo non ci sarebbe potuta venire.
      (509) PONZARE una forza che si fa in s medesimo, ritenendo il fiato, quasi riducendo tutto lo sforzo in un punto, come fanno le donne quando mandano fuora il parto. corrotta dal buon toscano pontare. (Minucci.)
      (510) BOCCA BIECA. Bocca storta; come fanno i bambini, quando sono per dare in uno scoppio di pianto, il che in qualche luogo d'Italia dicesi Fare il pizzo.
      (511) CATTURA. Qui, La somma di danaro che competeva al birro o birri che avean pigliato qualcuno.
      (512) GABELLARE. Ammettere una cosa; dalla gabella delle porte.
      (513) IL DUCA. Baldone.
      (514) IN SU LA PENA. L'affanno del correre aggiunto alla paura.
      (515) CH'EI NON S'ABBIA a trar dal fodero la spada che al fianco.
      (516) GAMBASTORTA ecc. _Nomi immaginari di due diavoli.
      (517) DISPOGLIASI ecc. Dice il Minucci che spogliarsi in capelli oltre a significare Spogliarsi ignuda e sciogliersi le trecce, vale anche, Adoperare ogni suo sapere per fare una tal cosa.
      (518) IL BANDO ecc. In tutti i tempi si fatta guerra al cerchio, ma il cerchio trionfa, a dispetto anche dei bandi imperiali e delle congiure mazziniane.
      (519) TARANTELLA o tarantola un ragno il cui morso produce una pericolosa enfiagione. Ma l'effetto che qui si descrive non so so sia vero. Forse da questo fatto, o da questa opinione, venuto il nome ad un certo ballo napoletano.
      (520) IL CELONE. (cielo), una specie di panno e coperta da letto.
      (521) DE' BRUTTI. Fu in Firenze una compagnia o accademia cos chiamata.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il Malmantile riacquistato
di Lorenzo Lippi (Perlone Zipoli)
Barbera Editore Firenze
1861 pagine 283

   





Minucci Italia Fare Nomi Minucci Spogliarsi Adoperare Firenze