Pagina (255/283)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      (845) MOZZINA. Astuta.
      (846) MENAR DI SPADONE A DUE MANI s'intende bene quel che significhi: detto a due gambe, vale fuggire.
      (847) CHE LA DURI tu a camminare! - Dice il Minucci che Giambracone fu un tale che andava sempre dicendo: Che la duri!
      (848) SASSELLO una specie di tordo che si crede pi astuto degli altri; e per appena scoperto col frugnolo, si dice: Dgli colla ramata, ch sassello e scappa presto. Qui il detto preso in un altro senso, quasi dicesse: Canzonate quanto vi pare.
      (849) SCHERZANO IN BRIGLIA i cavalli nell'uscire di scuderia.
      (850) A PASTO. A pagare un tanto per persona, non un tanto per vivanda.
      (851) VA DIETRO e non dentro alla cassa; dunque non v' guadagno.
      (852) IL GRASSO LEGNIAIUOLO fu un Fiorentino tanto semplice, che, gli fu dato a credere, ch' e' non era pi lui. Vedi la Novella cos intitolata.
      (853) TENEI per tenevi.
      (854) BARBA d'OLOFERNE lo stesso che Testa d'impiccato.
      (855) CHIANTI. Regione di Toscana che produce vino eccellente.
      (856) CHE STATO ecc. La qual cosa stata il maggiore sfregio che a Magorto potesse farsi.
      (857) VIOLA A GAMBA. Violoncello. Fuga, concerto sono termini musicali.
      (858) NIMO Nemo, niuno
      (859) VANNO A VANGA. Vanno bene, come quando la terra cede quasi al peso della vanga.
      (860) STUMMIA. Schiuma.
      (861) GOLE DISABITATE. Insaziabili.
      (862) BELARE. Piangere, e cos appresso sbietolare.
      (863) QUATTRINATA. Parte; quel tanto di merce che si pu avere per un quattrino; e cos diciamo scudata ecc.
      (864) SPECORATE. Belate, piangete
      (865) SOSSOPRA LA MAN ecc.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il Malmantile riacquistato
di Lorenzo Lippi (Perlone Zipoli)
Barbera Editore Firenze
1861 pagine 283

   





Minucci Giambracone Dgli Canzonate Fiorentino Novella Testa Toscana Magorto NIMO Nemo