Pagina (277/283)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      (1160) BATTUTO. Socio di confraternita, detto cos dal battersi colla disciplina.
      (1161) L'INCANNUCCIATA si fa o si faceva dai cerusici nel fasciare le fratture.
      (1162) COME si fa a' vitelli, prima di scuoiarli.
      (1163) ALLA LARGA SGABELLI. Fate largo; detto forse dallo sbarazzare di sgabelli e altri impedimenti la stanza ove si desinato.
      (1164) SORBI, Bastoni di sorbo, nodosi.
      (1165) SCEMAN PER BOLLIRE, fu la risposta che diede un cuoco al padrone che gli domandava come fossero tanto poche le molte merle ch'e' gli avea date a cuocere.
      (1166) CAMPRIANO. V' una Storia di Campriano, astuto contadino, di cui, fra le altre frottole, si racconta che aveva una tromba colla quale resuscitava i morti.
      (1167) CICCIOLI. Lardinzi, larderelli di maiale.
      (1168) PCCIOLO. La quarta parte del quattrino.
      (1169) SCRICCIOLO. Uccello piccolissimo.
      (1170) COME CHI PRESE ecc. Vedi c. I, 75.
      (1171) FINITO IL PESO. Il cmpito, la vita; dal lavoro di lana o altro, che si d a fare, e che pesa quel tanto.
      (1172) BOMBOLE. Vedi c. VIII, 44.
      (1173) SARPA. Salpa, se ne va. L'aggiunta della voce fratello posta per enfasi, e quasi per un giuro. (Minucci.)
      (1174) USTOLARE. Si dice propriamente de' cani che mangian quasi le vivande cogli occhi. noto come Tantalo fu condannato anch'egli a ustolar sempre in inferno.
      (1175) LABARDA. Intende il Ferraiuolo o cappa. Vedi c. IX, 48.
      (1176) STOCCHEFISCE. Pesce salato. Vuol dire che costui era ingordo e sudicio.
      (1177) BERNEITER SCELMO. Briccone, scellerato.
      (1178) CAVALLERIA. Grado di cavaliere.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il Malmantile riacquistato
di Lorenzo Lippi (Perlone Zipoli)
Barbera Editore Firenze
1861 pagine 283

   





Bastoni Storia Campriano Minucci Tantalo Ferraiuolo