Pagina (281/283)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      (1241) INSIPILLĎ. Preg˛ instantemente, stimol˛.
      (1242) TRA═NO. Comunemente Trßino.
      (1243) PERSEO. Il Perseo di bronzo, opera di Benvenuto Cellini, che Ŕ sotto un arco della Loggia de' Lanzi.
      (1244) E IMMOTO ecc., perche guard˛ la testa di Medusa, che, secondo la favola, aveva potere di petrificare i riguardanti. In questa e nella seguente ottava il Poeta descrive la fontana che Ŕ in Piazza della Signoria; dando graziosamente una favolosa origine a quella che fu fattura dell' Ammannato.
      (1245) L'HA INFILATE le pentole. Ha finito tutto; e' restava senza nulla.
      (1246) LE GAMBE HA DESTRE. Cade con velocitÓ, perchŔ Ŕ grave.
      (1247) FA LE MINESTRE. Amministra.
      (1248) CELIDORA che Ŕ il Lagi; il quale fu un sensale cosý accreditato che pass˛ in proverbio per dire Persona che vuol fare tutti i negozi.
      (1249) RIPIEGATE LE BANDIERE. Si noti quanti modi scherzosi abbiam noi per dir Morire.
      (1250) TERRENO. Piano terreno.
      (1251) TRAFORO. Ripostiglio.
      (1252) MAV╠. Color turchino chiaro.
      (1253) CAMICCIOTTO dicevano le contadin invece di sottana.
      (1254) IMBASTITURA. Piegatura in giro da piedi (alla balzana) della veste, cucita per ornamento con punti bianchi esterni, che somigliano quelli che fanno i sarti nell'imbastire.
      (1255) TRINCERATE (trinciate).
      (1256) DOVE SI FA A' SASSI. Questo bel giochetto del fare a' sassi in Firenze, ma non in Roma, Ŕ dismesso da secoli, a dispetto della profezia che diceva: Guai Firenze, quando in Mercato non si farÓ a' sassi.
      (1257) ALIOTTI. Pistagne nelle attaccature delle maniche.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il Malmantile riacquistato
di Lorenzo Lippi (Perlone Zipoli)
Barbera Editore Firenze
1861 pagine 283

   





Trßino Perseo Benvenuto Cellini Loggia Lanzi Medusa Poeta Piazza Signoria Ammannato Lagi Persona Morire Firenze Roma Guai Firenze Mercato