Pagina (32/126)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      ╚ per questo ch'io appajo sempre in pubblico ed in privato nudo, colle armi sole dell'orgoglio a difendermi ed a offendere: sono una sinceritÓ, che si mostra colla testa medusea terribile e magnifica; cui se scopro in faccia ai nemici arrestano ed impietrano. Mi ha pi¨ servito in questa occasione, per quanto la mia avventura sia stata negativa; nel cercar l'humorismo, trovammo il semplice epigramma, nel cercar la purezza commossa, che risponde al sentimento del lettore, la vena limpidissima, che scaturisce dal cuore direttamente, ci trovammo in un ampio glossario. D'Annunzio, al posto del cuore, non ha che tomi scompagnati, benevisi dalla Crusca25 e capricci da scolaro-prodigio: costui non ci ostende, femina comune, che un sesso slabrato alla aviditÓ del successo rimuneratore; molto produrre a machina, molto vendere, moltissimo ingannare: San Paolo urla "Fornicatore!".
      Il critico-filosofo ride e vi consiglia, invece, di accostarvi, un'altra volta, alla sapienza dell'Apicio, che sa imbandir cene degne di Trimalcione. Fatevi con lui alle mense; mangiate e bevete insieme; egli Ŕ riconoscente a quelli che gli lodano le portate e li intingoli: non Ŕ seduto al banchetto fortunato della vita? Quanti poveri biblici chiedono miche alla porta del ricco Epulone; quanti Cristi da strapazzo della letteratura non hanno confezionato, in versi, bombe anarchiche? E pure, mangiate in compagnia. Pascetevi26 delle carni succolenti e rosee, ben manipolate, in uno stagno odoroso di pimenti o di conserve, in una dorata rosolatura al forno, in un profumo degno di Brillat-Savarin, leccornie preziose alla mensa borghese, avantgo˙t di piatti pi¨ forti, di creme, di sorbetti alla vainiglia; questa Ŕ la prosa e la poesia d'annunziana: come prodotto di culinaria disposto alla ghiottoneria pi¨ che alla intelligente golositÓ; che altro suggeriscono?


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

D'Annunzio al vaglio dell'Humorismo
di Gian Luigi Lucini
pagine 126

   





Annunzio Crusca San Paolo Apicio Trimalcione Epulone Cristi Brillat-Savarin