Pagina (47/126)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Era la prima protesta d'imperio giÓ vana, che la santa plebe immacolata giustiziava senz'altro nel capo.
      Il 21 Febbraio 1907, il pi¨ grande giornale italico, che Ŕ per˛ Corriere della Sera, stampava, in prima pagina, in corsivo molto interlineato, l'epinicio "Per la tomba di GiosuŔ Carducci"; una canzone, che, per grettezza e stiracchiatura di pensieri, precede le pi¨ brutte terzine che canteranno l'impresa libica. Qui, vi si trovava del Frugoni, e si leggevano versi di questa fatta:
      che fece il santo Nome a noi pi¨ santoin cui il vietissimo concettino arcadico Ŕ pur genuino nell'ampollositÓ dell'artificio. (Fa pur tesoro, che, per necessitÓ di rima abbiamo questo elegantissimo participio passato passivo: risplenduto!, una meraviglia di suono e di luce, come vedete). Il componimentino scolastico, affannoso, catarrale, pieno di ansimi e di fatiche, senza commozione, senza entusiasmo, era quel compito che tutt'ora l'AcadÚmie Franšaise obbliga all'occupatore del seggio verso chi glielo lasci˛ vacante, per superstite cortigianeria inutile. Una sola battuta rispondeva al vero desiderio e bisogno d'annunziano; quella che guasconeggia nel troppo noto commiato, dove, confondendo senza nessuna autoritÓ le due parti, egli si accordava senz'altro, sotto l'investitura simbolica di una fiaccola accesa, la successione immediata della dittatura32, che non gli si riconosce.
      Non importa: la canzone gli diŔ la data certa della presa violenta di possesso del magistero assoluto della poesia italiana; e, nella sorpresa, non vi fu alcuno, che, tratto dall'indignazione fuori dal galateo, non abbia gridato forte: "Abbasso il ciurmatore!


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

D'Annunzio al vaglio dell'Humorismo
di Gian Luigi Lucini
pagine 126

   





Febbraio Corriere Sera GiosuŔ Carducci Frugoni Nome AcadÚmie Franšaise