Pagina (12/127)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Emma non aveva mai osato domandare alla cameriera chi fosse quella famiglia venuta a star di faccia; ma a tavola senza volerlo aveva saputo che era gente onesta e agiata. Un avvocato carico di famiglia, che mandava innanzi la casa coi travagli quotidiani della toga e che tra gli altri molti figliuoli aveva un giovanetto, che studiava medicina all'UniversitÓ. Quel giovanetto era Enrico.
      E su Enrico si appoggiarono tutti gli incerti desiri, tutti i sogni di Emma; e in lui, senza avergli mai parlato, senza averne neppure di lontano udito la voce, cerc˛ l'uomo.
      E l'uomo Enrico cerc˛ la donna Emma e l'am˛, poeticamente, ingenuamente; con tutte le sublimi puerilitÓ d'un primo amore.
      Chi dei due fosse pi¨ timido, non saprei dire; perchŔ lo erano entrambi fino all'impossibile.
      Egli scriveva dei versi, che voleva gettarle nella finestra aperta; ma i versi si accumulavano e rimanevano nel cassetto.
      Essa voleva fermarsi, quando egli fosse apparso, e voleva rispondere con un sorriso al suo sguardo; ma continuava invece a fuggire e il sorriso rimaneva sempre inedito.
      S'erano incontrati pi¨ d'una volta anche per via e una volta anche in teatro in due palchi vicini. E allora si erano guardati pi¨ a lungo del solito, cercando di arrossire il meno possibile.
     
      Passarono sei mesi e le cose erano in questo stato:
      Lui sapeva di essere amato, lei era sicura di essere adorata, e naturalmente ognuno di loro sapeva di amare. Dove per˛ dovesse finire questo amore nessuno dei due sapeva, e non facevano un passo innanzi per avvicinarsi l'uno all'altra.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

L'arte di prender marito
Per far seguito a "L'arte di prender moglie"
di Paolo Mantegazza
Editore Treves Milano
1894 pagine 127

   





UniversitÓ Enrico Enrico Emma Enrico Emma