Pagina (23/127)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Non aveva pi nulla da occupare al di dentro. L'alveo del fiume era pieno; e la piena doveva condurre all'innondazione.
      Pareva che in questo caso straripando l'amore avesse dovuto manifestarsi al di fuori. Nel linguaggio volgare ci si chiama dichiarazione d'amore.
      Ma la dichiarazione non veniva mai; e tutta la corte, che l'ingegnere faceva alla sua Emma, si risolveva in sguardi continui, ardenti, penetranti come lama di Toledo; terribili come fulmini o teneri come tepori del sole di maggio.
      Tutti quelli sguardi non penetravano nulla, non bruciavano nulla, non intenerivano nulla. Si perdevano nello spazio, confondendosi insieme a tutte quelle energie planetarie, per le quali n fisici n chimici, hanno ancora trovato l'equazione di equilibrio.
      Non andavano per perduti per l'occhio vigile e affettuoso della mamma di Emma, che dopo pochi giorni s'era convinta, che l'ingegnere era innamorato della sua figliuola. E di ci era, come il babbo, felicissima. Non le pareva possibile trovare per la figliola un giovane pi prezioso, che le fosse compagno per tutta la vita.
      D'una cosa sola si stupiva assai ed era che Emma non si accorgesse di quell'adorazione silenziosa del Rinaldini e che non glie ne avesse parlato.
      Un giorno per ella non pot pi tacere e a bruciapelo le domand:
      - -Che ti pare dell'ingegnere?
      - Del Rinaldini?
      - S, proprio di lui. Nessun altro ingegnere viene in casa nostra.
      - Uhm.... mi pare che sia un bravo giovane.... molto studioso, molto timido.
      - No, voglio dire se ti piace, se ti simpatico.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

L'arte di prender marito
Per far seguito a "L'arte di prender moglie"
di Paolo Mantegazza
Editore Treves Milano
1894 pagine 127

   





Emma Toledo Emma Emma Rinaldini Rinaldini