Pagina (121/127)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Tu hai perduta per sempre la tua santitÓ, hai profanato il tempio, in cui il tuo compagno ti aveva collocato.
      Non si Ŕ vergini che una volta sola nella vita. Tu colla prima menzogna perdi quell'altra verginitÓ forse pi¨ preziosa, che ti dichiara incapace di mentire.
      Tu porterai a tuo marito tutta una corona di fiori: la tua giovinezza, la tua bellezza, le tue grazie; ma pur troppo l'uno dopo l'altro questi fiori avvizziranno. Ma se fra quei fiori avrai intrecciato anche la sinceritÓ, questa rimarrÓ fino all'ultimo respiro sempre fresca e sempre profumata, e tuo marito alzerÓ il capo superbo ad ogni volta, che davanti a tutti potrÓ dire: Lo ha detto lei! sinonimo di veritÓ indiscutibile, sinonimo di un dogma, che non ha nŔ pu˛ avere miscredenti.
      E credilo, gli occhi suoi si inumidiranno di tenerezza, quando egli aggiungerÓ, quasi a conferma delle prime parole:
      Mia moglie non ha mai mentito!
     
      Il tuo sposo ti giurerÓ eterno amore e tu giurerai a lui amore eterno. L'eternitÓ non Ŕ soltanto di Dio, ma di tutte le labbra degli innamorati.
      Lo ha detto anche il Gautier:
      Toute grande passion a la pretention d'ŕtre Úternelle, et il est fort commode de se donner les bÚnÚfices de cette eternitÚ sans en supporter les inconvenients.
      Ma invece ogni affetto, per forte e sincero e fido che sia, deve attraversare i tre stadii, pei quali passa inesorabilmente ogni cosa viva e che alla vita appartiene.
      Nascere, crescere e morire.
      Quanto al morire ammetto con te, che il tuo amore morirÓ, ma con te, e che l'amore di tuo marito non tramonterÓ che col tramonto della sua vita.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

L'arte di prender marito
Per far seguito a "L'arte di prender moglie"
di Paolo Mantegazza
Editore Treves Milano
1894 pagine 127

   





Dio Gautier